Onda
Ossidazione anodica alluminio
Il processo di ossidazione, chiamato anche anodizzazione, consiste essenzialmente in una trasformazione di natura elettrochimica della superficie di un oggetto costituito da alluminio e sue leghe. Con tale operazione, che si svolge in un bagno di elettrolisi ponendo all'anodo l'oggetto, l'alluminio viene a ricoprirsi di uno strato di ossido poroso, trasparente e non friabile (come ad esempio la ruggine del ferro) ma duro, compatto e atto ad essere colorato.
Questo trattamento protegge l'alluminio dagli stress e dall'aggressione degli agenti atmosferici cui verrà sottoposto una volta impiegato. Lo spessore dello strato di ossido sarà variabile, secondo le future esigenze di impiego del pezzo.

Trattamenti quali verniciatura e cromatura rappresentano in sostanza un riporto di materiali differenti sul materiale base, mentre l'anodizzazione è una vera e propria modificazione diretta della superficie del metallo stesso.
L'ossidazione anodica dell'alluminio (in pratica un processo di ossidazione iper-accelerata) ha assunto oggi una grandissima importanza ed è una delle più efficaci tecniche di protezione dei metalli leggeri. L'alluminio ossidato anodicamente è entrato nei più svariati usi, sia per la sua eccezionale durezza che per le sue proprietà anticorrosive, di isolazione elettrica, di elevata conducibilità termica e di ancoraggio per colori.
Processo
Il processo di ossidazione anodica avviene attraverso l'immersione in apposite vasche contenenti sostanze chimiche di varia natura e concentrazione. L'alluminio, in funzione del tipo di finitura richiesta, viene sottoposto ad una serie di trattamenti: l'esperienza di Galvanicolor garantisce la massima cura in ogni singolo passaggio dell'intero ciclo di lavorazione.
1. agganciatura materiale sui telai
Sistemazione accurata del materiale su degli appositi ganci in titanio.
2. sgrassaggio
Indispensabile trattamento di superficie che ha lo scopo di rimuovere i residui di grasso delle lavorazioni precedenti.
3. satinatura chimica
Eseguita in bagni di idrossido di sodio serve per impartire al manufatto un aspetto satinato ed opaco.
4. neutralizzazione
È il momento conclusivo di questi trattamenti preliminari ed ha la duplice funzione di neutralizzare l'alcalinità residua collegata ai precedenti attacchi e di rimuovere la patina eventualmente rimasta sulla superficie dei pezzi.
5. ossidazione in acido solforico
I pezzi precedentemente trattati vengono introdotti in una soluzione di acido solforico e collegati al polo positivo di un generatore di corrente continua, mentre il polo negativo viene collegato ad un elettrodo di alluminio. Al passaggio della corrente tra gli elettrodi, l'acido solforico si dissocia in H2++ ed SO4 -- con lo sviluppo di idrogeno al catodo e successivamente una reazione secondaria porta alla riformazione di acido solforico con la formazione di ossigeno nascente che attacca l'alluminio trasformandolo in ossido.
6. colorazione
Viene eseguita su richiesta dopo l'ossidazione anodica del materiale. Consiste nell'immergere in una soluzione colorante di pigmenti organici in grado di legarsi chimicamente all'ossido stesso. La gamma di colorazioni eseguite da Galvanicolor è la seguente: naturale, fumé, nero, blu, verde, rosso, oro.
Colorazioni
7. fissaggio
È l'operazione conclusiva dell'intero ciclo di ossidazione anodica, determinante per garantire protezione, durabilità e qualità del prodotto finito. Consiste in sostanza in una chiusura dei pori dell'ossido. Viene realizzata con un vero proprio meccanismo di "otturazione" attraverso la precipitazione di sali di nichel all'interno dei pori stessi. Con il fissaggio lo strato di ossido anodico perde la capacità di assorbimento nei confronti di ogni tipo di sostanza e va a costruire una saldissima barriera contro gli agenti esterni.
8. asciugatura
Viene eseguita posizionando i pezzi in un forno con dell'aria forzata a caldo.
9. smontaggio e imballaggio
Viene eseguito lo smontaggio accurato dei manufatti che su richiesta possono essere anche imballati singolarmente o posizionati in appositi alveolari.
Agganciatura materiale sui telai Ossidazione in acido solforico Colorazione Asciugatura